CONTESTO

Il progetto propone di sostituire il tappeto del nastro trasportatore, generalmente in PVC, gomma sintetica o plastica vergine, con un nuovo nastro modulare interamente in plastica riciclata, dimostrando così una nuova applicazione nelle componenti di “stretta tolleranza” in materiale di recupero.
L’innovazione principale del progetto è la sostituzione completa di elementi vergini con elementi in materiale riciclato.

PROGETTO REPLACE 2010-2012

Il progetto RePlaCe (LIFE 08 ENV/IT/000393) è stato co-finanziato con il bando 2008 del programma LIFE 2007-2013. Il partenariato che ha collaborato alla realizzazione delle attività è lo stesso che porterà avanti le attività del progetto LIFE REPLACE BELT.
L’obiettivo però raggiunto nel progetto RePlaCe è stato quello di dimostrare come la plastica riciclata rappresenti una reale alternativa a materiali metallici (in particolare alluminio) per molte applicazioni strutturali, essendo caratterizzata da un impatto ambientale decisamente ridotto e da una consistente convenienza economica.

Tale impiego della plastica riciclata rappresenta un’importante innovazione che potrà determinare un consistente aumento dell’utilizzo dei rifiuti solidi plastici, una diminuzione del loro trattamento in altre forme (ad esempio: stoccaggio, termovalorizzazione, riciclaggio per altre applicazioni) e una diminuzione di materie prime utilizzate. Per maggiori informazioni visita il sito: http://www.replaceproject.eu/

STAKEHOLDER

“IPPR” organizzazione senza scopo di lucro che agisce per conto di aziende di riciclaggio rifiuti di plastica e per i produttori di articoli che prevedono l’uso di materiali polimerici riciclati. IPPR è una organizzazione importante a livello nazionale ed è l’unica in Italia o in Europa che promuove un maggiore uso di materiali e manufatti realizzati con rifiuti di plastica attraverso la certificazione ambientale di prodotto in collaborazione con l’Istituto plastiche italiane.
“Veneto multipolare Gomma Plastica District (DI.MA.PLA.)” – che agisce come braccio operativo del “distretto della Mecatronica”, “Distretto multipolare Veneto Gomma e Materie Plastiche”, “Associazione Industriali di Vicenza” e “Assocomaplast”. Queste ultime associazioni insieme rappresentano 198 importanti aziende manifatturiere italiane di macchine, attrezzature e stampi in materia di materie plastiche e gomma.

RUOLO DEI PARTNER

Plastic Metal SpA è il Beneficiario Coordinatore del progetto e sarà quindi responsabile del coordinamento delle attività di progetto, mettendo le proprie competenze a disposizione in termini di tecnologia, gestione e visibilità sul mercato. Nel contesto del progetto si occuperà infatti della creazione delle attrezzature specifiche (pressa a iniezione per lo stampaggio dei componenti plastici) per la realizzazione del prototipo. Plastic Metal SpA è capogruppo di NPM che comprende le società F.lli Virginio Srl e Vivi S.r.l., anche essi partner del progetto. F.lli Virginio S.r.l. sarà coinvolti nell’assemblaggio del prototipo.
Vivi S.r.l. farà lo stampaggio delle componenti in plastica riciclata con l’utilizzo del proprio personale altamente specializzato nella lavorazione di materie plastiche, e le sue attrezzature specializzate stampaggio di materia plastica.
Etra, multiutility che opera nel territorio che si estende lungo il bacino del fiume Brenta, dall’Altopiano di Asiago al Bassanese e alla Provincia di Padova e che gestisce il servizio idrico integrato e il servizio rifiuti. Etra si impegnerà in numerose attività di informazione al pubblico per aumentare la consapevolezza generale della necessità di riciclare la plastica, testando una campagna pilota di raccolta plastica rigida.